ragusa sicilia
agrigento sicilia sicily Siciliano.it - Il motore di ricerca Siciliano      cerca in:         
in english

    · Home
    · Aziende
    · Geografia
    · Storia
    · Economia
    · Gastronomia
    · La Costa
    · Ragusani
    · Prodotti Tipici Ragusa



    LA SICILIA ONLINE:

    · TURISMO
    · Presentazione
    · Geografia
    · Economia
    · Storia
    · Arte
    · Musei
    · Gastronomia
    · Hotels
    · Agriturismo
    · Bed and Breakfast
    · Case Vacanza
    · Camping
    · Villaggi
    · Ristoranti
    · Fotografie
    · Cartoline Virtuali
    · Video
    · Meteo
    · Mappe
    · Aziende
    · Olio di Sicilia
    · Vino di Sicilia

    · News Magazine
    · Eventi
    · Cinema
    · Libri
    · Forum
    · Mercatino
    · Chat

 

    LE 9 PROVINCE:

    · Agrigento
    · Caltanissetta
    · Catania
    · Enna
    · Messina
    · Palermo
    · Ragusa
    · Siracusa
    · Trapani
    · Tutte le città

la tua pubblicità su SICILYNETWORK

 

 

CAVA D'ISPICA

Hotels Agriturismo Bed and Breakfast
Case Vacanza Ristoranti Cinema
Siti Web Aziende E-mail
Viaggi Libri Feste e Sagre
Eventi News Mappa
Cartoline Fotografie Meteo

Situata tra i comuni di Ispica e di Modica, questa fenditura, lunga circa 13 km. E' costellata di abitazioni trogloditiche, piccoli santuari e necropoli, I primi insediamenti umani attestati nella zona risalgono al neolitico. Le grotte che costellano le pareti della cava sono state create dalla natura per il fenomeno carsico ed in seguito modificae ed adattate dall'uomo alle proprie esigenze.

VISITA

La visita alla cava comprende due settori. Il primo, nella zona nord, tra Modica lspica, è visitabile a partire dall'Ufficio della Sovrintendenza (seguire indicazione Cava d'lspica). Consiste di una zona recintata e facilmente visitabile ed una zona più a nord, in cui i "monumenti" sono disseminati nel territorio e sono difficilmente identificabili e raggiungibili. Per questo motivo si consiglia una visita guidata.
Il secondo settore si trova ad lspica ed è stato organizzato per le visite. E' denominata Parco della Forza.

Cava d'lspica - In quest'area si trova una catacomba di epoca paleocristiana (IV-V sec.) imponente per il numero di sepolture (464 tombe), denominata Larderia da Ardeia, ricco di acqua. L'ingresso principale si trovava alla fine dell'attuale percorso da dove si snoda la "navata centrale", lunga 35,6 km. Le due ali laterali sono state aggiunte in seguito.
La visita segue il profilo di una parete rocciosa. Superati (in alto sulla parete a sinistra) la Chiesa di S. Maria ed il Camposanto, si giunge alle Grotte Cadute, un complesso abitativo a più piani. Il passaggio da un livello all'altro era reso possibile da buchi aperti nel soffitto (e dotati di tacche scavate nella roccia che fungevano da gradini) dai quali venivano calate corde e pertiche che potevano essere ritirate in caso di pericolo.
Di fronte all'ingresso della zona recintata, oltre la Provinciale, una strada permette di raggiungere la Chiesa rupestre di S. Nicola e la Spezieria, chiesetta arroccata sullo sperone roccioso. Il nome, di derivazione popolare, è ricollegabile alla presunta presenza di un monaco che preparava medicamenti con le erbe. La chiesa consiste di due ambienti: la zona presbiteriale, triabsidata e decentrata rispetto alla navata.

Riprendere la macchina e percorrere la Provinciale in salita fino alla prima traversa a sinistra.

Baravitalla - Il pianoro, ora disseminato di muretti a secco, è il sito su cui sorgeva il nucleo abitato e dove si trovano i resti della chiesa bizantina di S. Pancrati (sulla sinistra, recintata). Poco oltre, una traversa sulla sinistra permette di raggiungere la zona ove sono ubicati gli altri luoghi d'interesse (difficilmente raggiungibili se non accompagnati): la Tomba a finti pilastri, con doppio ingresso in antis e la Grotta dei Santi, un ambiente rettangolare con resti di affreschi lungo le pareti (si intravvedono le aureole dei personaggi raffigurati).

Ritornando sulla Provinciale in direzione di Cava d'Ispica si può vedere (sempre se accompagnati) la Grotta della Signora, forse una fonte d'acqua sacra di origini antichissime. Alle pareti si trovano alcuni graffiti sia di epoca preistorica che paleocristiana (svastiche e croci).

Andando invece verso lspica, nella zona centrale della cava, sussiste il cosiddetto Castello, un suggestivo nucleo abitativo "a più piani" abbandonato solo negli anni '50 (molto difficile da raggiungere, per indicazioni precise si consiglia di rivolgersi a chi effettua la visita guidata, si veda sopra).

Parco della Forza - Si trova ad Ispica. E' l'area d'insediamento più antico ed è frequentata fin dal neolitico. In epoca medievale, il pianoro che sovrasta la cava viene fortificato, diviene una vera e propria cittadella con al centro il cosiddetto Palazzo Marchionale, di cui si indovina parte della planimetria. Alcuni ambienti conservano il pavimento originale in formelle di calce cotta dipinta. Il fortilizio comprendeva anche alcune chiese, tra le quali L'Annunziata, che presenta, sul pavimento, 26 fosse sepolcrali. La grotta chiamata Scuderia, perchè destinata a tale uso dall'epoca medievale, conserva resti di graffiti equestri.
Un'idea dell'importanza dell'insediamento può essere data dalle cifre: prima del sisma del 1693 circa 2000 persone vivevano nella cittadella e 5500 nelle cave.
Il monumento più singolare è sicuramente il Centoscale, una lunghissima scalinata sotterranea (240 gradini intagliati nella roccia) che scende a 45° e per 60 m penetrando nel fianco della collina fino a raggiungere il fondovalle sotto il letto del fiume. Il cunicolo, di datazione incerta, era stato ideato per l'approvvigionamento idrico soprattutto nei periodi di siccità. Cento schiavi (da cui il nome) appostati lungo la scala, raccoglievano l'acqua che filtrava dal letto del fiume (e nel punto finale la scala era 20 m sotto il livello dell'acqua) e la passavano nei secchi fino alla superficie.
Fuori dal parco (per visitarla chiedere ai custodi) si trova anche S. Maria della Cava, chiesetta rupestre con resti di affreschi stratificati.

LA CITTADINA DI ISPICA
Il centro della cittadina ruota intorno a piazza Regina Margherita su cui si affacciano la Chiesa Madre, S. Bartolomeo e Palazzo Bruno (1910), caratterizzato da una torretta angolare. Alle spalle della chiesa, corso Umberto, fiancheggiato da bei palazzi conduce al "gioiello" liberty della cittadina, Palazzo Bruno di Belmonte (oggi è il Municipio), opera di Ernesto Basile. Quasi di fronte si trova il bel mercato coperto oggi adibito a sala per manifestazioni organizzate dal comune. Oltre si trovano altri bei palazzi, come ad esempio al n. 76 ed al n. 82. Ritornare in piazza Regina Margherita ed imboccare via XX Settembre per raggiungere la Chiesa di S. Maria Maggiore. Davanti alla chiesa un elegante loggiato ad esedra, opera di Vincenzo Sinatra, crea un bellissimo insieme. L'interno della chiesa conserva un bel ciclo di affreschi del catanese Olivio Sozzi (1763) dagli influssi rococò. Il grande affresco centrale raffigura il Vecchio ed il Nuovo Testamento: sono riconoscibili Adamo ed Eva, Giuditta con la testa di Oloferne, Mosè (in basso), gli apostoli e S. Pietro al centro, e Cristo con l'Eucaristia in alto. Nella cappella sinistra del transetto si trova un baldacchino (portato in processione il Giovedì Santo) con un singolare Cristo alla Colonna ligneo che, chino su se stesso, sembra soccombere al dolore per le ferite inferte.
Dalla parte opposta corso Garibaldi porta all'elegante Chiesa dell'Annunziata, ornata all'interno da pregevoli stucchi settecenteschi che riproducono episodi biblici, Sono opera di G. Gianforma.

I COMUNI RAGUSANI

Ragusa
Acate
Chiaramonte Gulfi
Comiso
Giarratana
Ispica
Modica
Monterosso Almo
Pozzallo
Santacroce Camerina
Scicli
Vittoria

LOCALITA' INTERESSANTI

Monti Iblei
Cava D'Ispica
Castello di Donnafugata Camarina
Casuzze
Cava d'Aliga
Donnalucata
Marina di Modica
Marina di Ragusa
Punta Secca
Punta Braccetto
Sampieri
Scoglitti

Testi © Studio Scivoletto e Michelin Italia. Le foto sono di proprietà dei rispettivi autori. Ogni riproduzione non autorizzata verrà perseguita a norma di legge.


acquista - buy on line
Michelin Green
Guide of Sicily
in italiano | in english

Agrigento | Caltanissetta | Catania | Enna | Messina | Palermo | Ragusa | Siracusa | Trapani | Isole Siciliane

Sicily Web | Siciliani.com | Sicily News | Vacanze in Sicilia | Siciliano.it | LaSicilia.com

info@sicilyweb.com

Realizzazione: Studio Scivoletto